UN’INTERVISTA DI RUPERT CHEEK SUL BRAINARM

“La maggior parte delle persone non pensa di avere alcuna idea musicale, ma sì, ne hanno molte dentro di sé inattive nel loro inconscio, in attesa di essere risvegliate. E possiamo dire con certezza che ognuno ha grandi idee, poiché tutti noi abbiamo un’esperienza di vita e tutti abbiamo la capacità di ragionarla, il che genera automaticamente sentimenti, portando a una poetica personale della vita… Inoltre, tutti abbiamo un’esperienza comune di suoni e del loro significato (alcuni sono limitati alla nostra etnia, altri sono collettivi), poiché siamo tutti circondati da suoni e musica fin dalla nascita. E se siamo in grado di capire la musica, è perché inconsciamente abbiamo imparato le sue regole, quindi tutti siamo in grado di creare musica. Quindi, l’obiettivo dif Brainarm è quello di connettere le persone con la propria musica inconscia e farla diventare conscia e viva.”

Guido Mallardi mi ha parlato della sua pratica di coaching di composizione.

“Bene, è stato nel 2002 quando ho iniziato a insegnare a scuola. Avevo 25 anni e molto presto mi sono stancato di insegnare ai bambini e agli adolescenti in modo tradizionale, soprattutto perché la grande maggioranza di loro non praticava abbastanza per progredire a un livello tale da permettere a un insegnante di rivelare “segreti della musica” che rendono il pianoforte uno strumento straordinario. Intendo quei “tesori” (che possiamo chiamare genericamente ARTE) che valgono 7 ore o più al giorno trascorse al pianoforte e fanno una grande differenza tra un esecutore e un musicista…

Così cercavo qualcosa che, allo stesso tempo, fosse vantaggioso per me e per i miei studenti, qualcosa che permettesse loro di esprimersi immediatamente a un livello elevato. E ovviamente questo non era possibile a livello pianistico… Ecco perché ho provato con la composizione, poiché dà a tutti la possibilità di provare e riprovare dopo aver commesso errori e di trovare qualcosa prima o poi, non la stessa cosa della performance…

Il punto è: volevo che avessero almeno una possibilità nella loro vita di esprimersi al meglio con la musica, anche se il loro meglio era una musica molto semplice scritta (poiché la maggior parte di loro era al livello 1 o erano principianti assoluti)…

Ero assolutamente sbagliato riguardo ai risultati. In realtà, poco per volta, affinando la mia tecnica e concedendo loro sempre più libertà in termini di gamma di note, ritmo, stile (e… permettendo al caso di avere una possibilità), ho cominciato a rendere conto di quanto la musica delle persone possa essere bella e complessa, nonostante loro non siano consapevoli del proprio potenziale inizialmente.

Il Parnaso dovrebbe essere accessibile a tutti, in modo che anche il proprio vicino di casa che è stonato, un giorno possa creare un primo movimento di una sonata per pianoforte.

Come coach, è solo questione di utilizzare gli strumenti giusti, essere imparziali nelle domande e soprattutto avere fede nelle persone.”

Ho chiesto a Guido: “Perché non è possibile come pianista?”

“Per alcuni questo è possibile, naturalmente, e oggi ci sono molti grandi pianisti (uno dei miei preferiti è Ramin Bahrami, che è un grande interprete di Bach). Ma per la maggior parte delle persone che sono pianisti addestrati, anche se tecnicamente ben addestrate, l’arte è inaccessibile. Non avranno mai una carriera, non registreranno per le etichette. Tanti anni e sacrifici e questo è davvero un peccato… Le loro mani funzionano perfettamente sulla tastiera, ma non sono riusciti a trovare quel “legame” tra il loro cuore e le loro mani, che significa essere in grado di prendere le loro emozioni più profonde e trasferirle completamente nello strumento. Lo stesso vale praticamente per qualsiasi strumentista… È davvero difficile “suonare se stessi”…

Ecco perché cercavo un mezzo alternativo diverso dall’esibizione musicale per permettere alle persone di esprimersi pienamente attraverso la musica, e ho trovato qualcosa che inaspettatamente ha funzionato anche con non musicisti…

Mentre suonare a un alto livello immediatamente senza essere un musicista addestrato sarebbe un miracolo, comporre a un alto livello immediatamente senza essere un musicista addestrato è possibile. Richiede solo la mente e le mani di un esperto coach come interfaccia, e questo permette a chiunque di esprimersi pienamente senza bisogno di lezioni di pianoforte o teoria del tutto. Ed è per questo che ho chiamato questa prassi innovativa Brainarm Full Compositional Coaching.

Aiutare la gente comune a rendersi conto che hanno grande musica dentro, nonostante pensino di non avere talento musicale o idee musicali, e che la loro musica meriti di essere ampiamente eseguita, registrata e distribuita. Camille aveva 6 anni, non musicista, quando ha composto questo meraviglioso pezzo tramite Brainarm.”

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Share via

© 2024 Guido Mallardi | Design By – iNuvolo Hub.
error: Content is protected !!